Pagina precedente

 

Copia N. 3                                                        del repertorio

 

Regno  d’Italia

 

Vittorio Emanuele  II per grazia di Dio e per volontà del-

la Nazione Re d’Italia. Addì tredici Febbraio 1800settantuno.

Avanti di Noi Domenico Filippo Carugno Notaio

residente in Capracotta, e dè testimoni sottoscritti si

sono presentati-

I Signori D. Antonio, D. Gaetano, Barone D. Federico,

D. Pietro e D. Eugenio, fratelli germani figli del

fu Barone D. Domenicantonio d’Alena, tutti galan-

tuomini proprietari domiciliati in Sanpietroavellana

da Noi Notaro e testimoni ben noti, i quali han-

no dichiarato, operato, e convenuto quanto segue.

Con due istrumenti pel nostro ministero di ven-

titrè e ventiquattro ottobre del milleottocentocin-

quanta quattro (1), i comparenti signori fratelli d’Ale-

na si obbligavano di far seguire il parteggo dè be-

ni paterni nel corso di due anni ,affidan-

do nel frattempo l’amministrazione di essi

al secondo fratello D. Gaetano con amplissi-

me facoltà; non escluse quelle di esiggere, tran-

siggere, e quietare, affittare, far vendite di legna-

mi, di frutti pendenti, ed altro.

E con altro mandato posteriore lo autorizzava-

no pure a prendere delle somme a mutuo per

 

 

acquistare, come si è fatto, le porzioni ex feuda-

li di beni pertinenti una volta ai zii paterni-

Mettevano da ultimo l’obbligo all’ammini-

stratore  D. Gaetano di rendere fedele ed esatto con-

to della sua gestione alla fine di ciascun’an-

no del biennio-. Ciò non ostante si è verifica-

to che per negligenza e trascuratezza tanto

del gerente D. Gaetano, che degli amministra-

ti quattro fratelli si è fatto scorrere un

periodo di anni sedici e più senza effettuar-

si la promessa divisione né il desiderato

rendiconto.-

Ora per conoscere il netto ed il risultato

di sì lunga gestione si sentirebbe il bisogno di

un rendiconto generale, il quale dovrebbe esten-

dersi ad altri sei anni di precedente gestione, come

risulta, e si convenne nell’istrumento invocato

dell’anno milleottocentocinquantaquattro.-

Ma questo rendiconto non può essere affat-

to attuato per la mancanza (…) di re-

gistri e perché le cose passate son cadute in

piena dimenticanza.

E’ certo per altro che per la tenuta ammi-

nistrazione il gerente D. Gaetano risulterebbe

debitore di vistose somme verso i fratelli

 

amministrati; le quali somme per

far brevi le cose, e non cagionare a D. Gaetano

molestie e dispiaceri di sorta, restano esse per

volontà di tutti gl’interessati ed in linea di

bonario componimento, fissate, ridotte e tran-

satte per la somma sola di lire trenta tremi-

laquattrocentosessantadue, e centesimi quat-

tro, che addizionati alla tangente del debito in li-

re novemila e trentasette, e centesimi novanta-

sei, fa il totale di lire quarantaduemila e

cinquecento-

Il debitore D. Gaetano, come sacerdote inol-

trato negl’anni ed affetto da cronici malori sen-

te il bisogno di una vita di  riposo, e quindi la

necessità di esonerarsi da tutti i pigli, e di allon-

tanare dalla sua persona tutti gl’incomodi

ed i pensieri che gli arrecano i debiti in pa-

rola, pè quali sente pure vivamente l’obbligo

di pagare e soddisfare. Ma non avendo egli pron-

ti mezzi per effettuarlo, si è perciò determi-

nato di vendere ed alienare, come col presente istru-

mento realmente ed irretrattabilmente vende e tra-

sferisce in paga ai tre fratelli Barone D. Federico, D.

Pietro, e D. Eugenio, che accettano, l’intera sua

quota  di beni immobili dell’asse paterno, nonché

 

degli acquisti fatti posteriormente alla morte

del genitore, consistente nel quinto delle tre

quarte parti dell’asse istesso, e di tutti gli acqui-

sti di sua spettanza degli ex feudi  riconosciu-

ti e distinti sotto la denominazione di Vicenne

piane, Bralli, S. Giovanni, Montemiglio ed

altri, che comune ed indivisi possiede unita-

mente agli altri condomini di lui fratelli, si-

ti beni sul territorio di Sanpietroavellana

e Vastogirardi, nonché la tenuta di sua tangen-

te erbifera sita nei tenimenti di S. Giovanni

rotondo in Capitanata sotto il nome di Fara-

no e Faraniello senza nulla eccettuare né

riservare, comprendendosi perciò il bosco e gli

alberi di ogni natura, di cui son dotati; la rata

di fabbricati, e di ogni altro sovra imposto, inerente,

od adiacente, come ancora i muri di cinta, le

siepi e le (…) senza alcuna eccezione o riserva.

E questa vendita e cessione si è perfeziona-

ta tra esse parti contraenti per convenuto

prezzo in collettiva di lire cinquantunomila,

delle quali lire trantatremilaquattrocentoses-

santa due, e centesimi quattro restano com-

pensate con altre tante di cui esso D. Gaetano

risulta debitore, per la tenuta amministrazione

 

e che rimangono perciò estinte e pienamen-

te soddisfatte; altre lire novemila trecentosette,

e centesimi novantasei servir debbono per sod-

disfare il quinto del debito di sua spettanza

di sopra espresso, e che resta a carico di essi fra-

telli acquirenti, e la residuale somma in lire

ottomila e cinquecento a compimento del-

l’intero prezzo della vendita, resta come fon-

do perduto e come un capitale irrepetibile in

potere di essi tre fratelli compratori per la co-

stituzione di una pensione vitalizia di esso

D. Gaetano. E tale pensione vitalizia resta

irretrattabilmente fissata e stabilita per l’annu-

a somma di lire mille e venti, pari a ducati du-

ecento quaranta, da pagarsi solidalmente ed im-

mancabilmente in ogni anno in sei rate eguali

a bimestre scaduto, da essi germani Barone D.

Federico, D. Pietro, D. Eugenio, e per tutto il tem-

po della vita naturale di esso D. Gaetano. E

in caso di mancanza al pagamento in tem-

po debito, i contravventori si assoggetteranno vo-

lontariamente ad una penale pecuniaria di

lire trentamila.

Da ultimo il comparente D. Antonio, dal

suo  lato presta il suo pieno consenso a tutto

 

il convenuto con questo atto, non avendo e-

gli cosa a pretendere dagli altri suoi fratelli intervenienti nel presente rogito.-

La suddetta quota di D. Gaetano alienata

col presente istrumento trovasi debitamen-

te iscritta tra la maggiore estensione de-

gli ex feudi indicati né libri censuari di San

Pietravellana e Vastogirardi, e la tenuta di Pu-

glia  in quella di San Giovanni Rotondo, come

verrà comprovato dà corrispondenti documen-

ti da alligarsi nel presente rogito tra i (…)

della legge, non potendosi ottenere

nel momento-

Tanto si è tra essi comparenti convenuto,

e ciascuno rafferma gli obblighi messi

a di lui carico-

Di tutto ciò se n’è redatto il presente

istrumento che da noi Notaro si è letto

con voce chiara ed intelligibile alle parti

ed ai testimoni qui sotto indicati e firmati-

Fatto e pubblicato oggi, suddetto giorno me-

se ed anno in Sanpietravellana Provincia

di Molise, nel palazzo di abitazione del

Barone D. Federico sito alla strada del Suo-

do, attaccato alla Chiesa Matrice, in pre-

 

(senza) di essi signori D. Antonio, D. Gaeta-

no, Barone D. Federico e D. Pietro, e D. Eugenio

d’Alena del fu Barone D. Domenicanto-

nio, e dè testimoni signori D. Giovan-

ni Frazzini fu Ippolito reverendo arcipre-

te di questo Comune, e D. Errico Perilli

fu D. Ferdinando segretario Municipale di

questo istesso Comune di Sanpietravellana,

ove entrambi sono domiciliati, testimo-

ni a Noi ben cogniti e formati di tutti

i requisiti voluti dalla legge, i quali

con Noi Notaro e con le parti firmano

nel margine e nel fine dell’atto pre-

sente né due fogli che lo contengono,

ad eccezione  del solo D. Gaetano, il quale

ha dichiarato di non potere affatto

sottoscrivere pel tremolio che risente

specialmente nel braccio e nella mano

destra cagionato in lui da cronici ma-

lori che soffre = Firmati = Antonio d’A-

lena = Federico Barone d’Alena = Pietro

d’Alena = Eugenio d’Alena = Giovanni

Frazzini testimone, Errico Perilli testi-

mone  = Notar Domenico Filippo Carugno

di Capracotta. (…)

 

Specifica in totale £ 2107,25. Notar Carugno.

Registrato a Capracotta il ventitré Febbraio

milleottocentosettantuno in otto pagine

senza postilla, al volume quarto, atti Pubbli-

ci foglio 112 = Ricevuto lire mille novecen-

to ventiquattro, e centesimi venticinque

                             Distinta

                             omissis (…)

 

 

 

Gli alligati estratti Catastali nel N. di 7

Sono del tenor seguente-

1° Copia = Provincia di Molise =

Circondario d’Isernia = Comune di S. Pietravellana

Estratto generale del Cataasto-

Angelone Lorenzo Barone di Roccaraso-

                             Art. 14°-

 

 

Sezione

Numero

Natura

della

proprietà

Luoghi

ove

son siti

Estensione

Rendita netta

Classe

Classe

Classe

D.

1.

Sassoso

Bralli

514.5600

15.00

2.

Pascolativi

Fonte S. Giovanni

171.6200

15.00

3.

Prato di monte

Prato S. giovanni

13.7216

13.7216

10.40

4.

Pascolativi

Sotto prato di S. Giov.

686.0800

60.00

5.

idem

Piana

686.0800

720.3840

120.00

6.

Prato di monte

idem

41.1648

44.5952

32.40

7.

idem di piano

Padule

13.7216

13.7216

13.7216

20.28

8.

Sem. di piano

Sotto al giardino

6.8608

6.8608

4.96

9.

Stalla rurale

S. Giov.i monte miglio

2.5728

1.70

10.

Sito ad uso di mass.a

idem

1.7152

1.25

12.

Casa rurale

idem

2.5720

1.70

13.

Orto

idem

5.1456

2.40

14.

Pascolativi

Moricone delle Chiavi

171.5200

15.00

                                                                                                                       

                                                                                                                      Totale ducati 300.09

 

Dico ducati trecento e grana 9 nove di rendita netta, pari a lire 1275.38

S. Pietravellana 18 Febbraio 1871 milleottocentosettantuno=Per

Estratto conforme=Il segretario E. Perilli=Visto dal Sin-

daco=Domenico di Sanza-

 

 

 

2° Provincia di Molise= Circondario d’Isernia=

Sanpietravellana Estratto generale del Catasto=

                             Alena Donato Barone

                                    Articolo 6°

 

Sezione

Numero

Natura

della

proprietà

Luoghi

ove

son siti

Estensione

Rendita netta

Classe

Classe

Classe

B.

1.

Sassoso

Fonte dell’Orso

1403.0336

40,90

2.

Sem.o di monte

idem degli Antoni

41,1648

27,4492

17,1520

19,90

3.

idem

Pezza murata

17,1520

17,1520

17,1520

10,50

4.

Sodo con cerri

Colle d’Antonio

686,0800

60,00

5.

idem

Fonte paurosa

34,3040

40,00

6.

Sassoso

idem

2744,3200

50,00

7.

idem di monte

Posticchia

6,8608

10,2912

2,90

8.

Prato

Sopra la masseria

20,5824

41,1648

22,80

9.

Casa rurale

Vicennepiane

1,7132

2,15

10.

Orto

idem

2,5728

1,20

11.

Prato di monte

Sotto la masseria

34,3040

17,1320

20,00

12.

idem

(…) al prato di sotto

10,2912

10,2912

10,2212

6,30

13.

Sodo con cerri

Codacchio

686,0800

80,00

14.

idem

Boreale

343,0400

40,00

15.

Cespuglioso

idem

686,0800

20,00

 

                                                                                                                              Totale D. 464,63

 

Dico ducati quattrocentosessantaquattro e grana sessantatrè di ren-

dita netta, pari a lire 1874,68

S. Pietravellana diciotto Febbraio Milleottocento

settantuno= Per estratto conforme= Il seg. E. Perilli

Visto dal Sindaco D. di Sanza=

 

 

 

 

 

3° Copia = Provincia di Molise = Circondario

d’Isernia=Comune di  S. Pietravellana =

Estratto generale del Catasto-

                             Angelone Lorenzo Barone, Cappella S.Amico

Cappella del Sacramento, e Cappella di S. Maria della neve

                             Art. 15°

 

Sezione

Numero

Natura

della

proprietà

Luoghi

ove

son siti

Estensione

Rendita netta

Classe

Classe

Classe

C.

278

Prato di monte

Valle montemiglio

15,7216

15,7216

6,6688

12,70

279

idem

Prati (…) monte

13,7216

13,7216

6,8608

12,80

280

Sem.o piano

?

20,5824

20,5824

20,5824

19,08

281

idem

Piano ferraro

13,7216

13,7216

7,12

282

idem

Sotto al morricone

27,4432

27,4432

27,4432

23,44

283

idem

Fonte Patrucci

6,8608

6,8608

6,8608

6,36

284

idem

Pezza del monte

13,7216

13,7216

13,7216

12,72

285

Sodo con cerri

Fonte Cupaione

343,0400

10,00

286

Idem

Piano ?

733,2960

24,00

287

Sodo con cerri

Cesa mezzacalzetta

686,0800

56,00

288

idem

Fonte paurosa

163,3680

20,00

289

idem

Bralli

155,9680

20,00

290

idem

Casa di S.Giuseppe

163,3690

20,00

291

Fonte S. Giovanni

Fonte S. Giovanni

187,6720

6,00

 

 

(…)

(…)

(…)

(…)

(…)

 

Dico ducati duecentosettantasei e grana trentadue pari a li-

re 1174,36 – Sanpietravellana venticinque Febbraio

mille ottocento settantuno = Per estratto conforme

Il Segretario E. Perilli = Visto dal Sindaco D. di Sanza

 

 

 

 

4° Copia = Provincia di Molise = Comune di

Vastogirardi = Estratto parziale di Catasto fondiario

                             Alena D. Donato Barone

                                       Articolo 1°

  

Sezione

Numero

Natura

della

proprietà

Luoghi

ove

son siti

Estensione

Rendita netta

Classe

Classe

Classe

E

74

?

 

1372,1600

170,00

 

75

Sodo cespuglioso

 

343,3340

72,42

 

76

Sem.vo infimo

 

13,7216

13,7216

5,95

 

77

Sodo semplice

 

92,6908

11,47

 

78

Casa rustica

 

1,7152

3,40

                                                                                                     Totale 263,24

 

Per copia conforme = Vastogirardi lì diciotto Febbraio

Milleottocentosettantuno = Il Segretario G. Marracini

 

 

5° Copia = Provincia di Molise = Comune di Vastogirardi

Estratto parziale del Catasto fondiario=

                             Angeloni D. Lorenzo

                                      Articolo

                                           29°

 

Sezione

Numero

Natura

della

proprietà

Luoghi

ove

son siti

Estensione

Rendita netta

Classe

Classe

Classe

C.

68

Sodo pascolativo

Giangiangiuseppe

480,8560

343,0400

363.50

69

Bosco

185,7408

56,10

70

Sodo boscoso

199,7400

19,04